Home Aziende I Barisèi – In vigna dal 1898: il nuovo progetto presentato al...
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

I Barisèi – In vigna dal 1898: il nuovo progetto presentato al Vinitaly 2019

0
Barisei - Vinitaly

L’entusiasmo e la vitalità di un nuovo progetto uniti all’esperienza di più di 100 vendemmie in Franciacorta: “I Barisèi – In vigna dal 1898” è il nuovo capitolo della lunga storia enologica della famiglia Bariselli, originaria di Torbiato di Adro con cantina a Erbusco.

I Barisèi si presentano ufficialmente in occasione di questa edizione di Vinitaly (Verona, 7-10 aprile) e porteranno in degustazione al Palaexpo Padiglione Lombardia, nell’area Franciacorta, allo stand C14 quattro grandi cuvée di Franciacorta Docg:

  • Sempiterre Cuvée Brut 90% Chardonnay – 10% Pinot Nero, 30 mesi sui lieviti;
  • Satèn Cuvée Millesimata 100% Chardonnay, 40 mesi sui lieviti;
  • Rosé Cuvée Millesimata 100% Pinot Nero (80% vinificato in bianco – 20% vinificato in criomacerazione), 54 mesi sui lieviti;
  • Natura Cuvée Millesimata 80% Chardonnay – 20% Pinot Nero, 54 mesi sui lieviti.

Il proprietario, Gian Mario, rappresenta la quarta generazione della famiglia Bariselli, vignaioli noti in Franciacorta proprio con il soprannome “I Barisèi”. Prima di lui il padre Francesco e lo zio Gianbattista, e prima ancora il nonno Giuseppe e il bisnonno Paolo. In cantina si affaccia anche una nuova leva: Gloria, classe 1997, figlia di Gian Mario, si occuperà dell’accoglienza e della comunicazione.

In azienda lavorano 8 persone di cui 5 in cantina, con un’età media di 30 anni; Paolo Turra, 29 anni, è l’enologo. In vigna lavorano invece 3 persone con una media d’età di 45 anni. Fanno parte del team anche i consulenti Massimo Azzolini (enologo) e Giuseppe Turrini (agronomo).

I VINI DEI BARISÈI: SOLO FRANCIACORTA DOCG

La produzione de I Barisèi si incentra sulla DOCG Franciacorta. Le vigne de I Barisèi, circa 40 ettari coltivati biologici, sono immerse in un microclima mitigato dal vicino lago d’Iseo e protette dall’arco alpino: siamo al centro dell’anfiteatro morenico del Sebino, conca di origine glaciale tra la base del lago e il Monte Orfano. Tutte le vigne sono nella culla del bacino di derivazione glaciale, nelle zone più vocate del territorio: Torbiato, Adro, Monterotondo, Corte Franca, Calino e in località Bettolino. Ogni appezzamento ha la sua caratteristica: differente altitudine, composizione del suolo, esposizione.

LA STORIA

Tutto ha inizio negli ultimi anni dell’Ottocento, con Paolo Bariselli e i suoi primi approcci con la vite. Paolo acquisì una cascina a Nigoline di Corte Franca a inizio Novecento. Giuseppe, nel primo dopoguerra, fu invece il responsabile dell’ampliamento del vigneto di famiglia da 3 a circa 10 ettari di terreno. Negli anni ’90 Francesco e Gianbattista insieme ai figli Gian Mario, Donatella, Ludovica e Stefania segnarono la svolta, ristrutturando la cascina di Nigoline e avviando, nella seconda metà del decennio, l’attività agrituristica Solive, tra le prime sul territorio.

Inizialmente il vino rosso prodotto dal bisnonno era destinato alla famiglia e agli amici, ma già dalla metà degli anni ’70 iniziò la produzione di Chardonnay per la vendita alle migliori aziende della zona. Da allora, per continuare a soddisfare queste richieste e rispondere al consumo nell’agriturismo, gli investimenti sui vigneti sono via via aumentati.

Nel 1993 sono state vinificate le prime bottiglie a marchio Solive: proposte nel ’97 sul mercato locale, hanno subito ricevuto un riscontro positivo.

È così che Gian Mario ha maturato la rinnovata visione che avrebbe inaugurato un processo di crescita, sia in termini di esperienza che di consapevolezza, culminato nella fondazione della cantina di Erbusco nel 2002. Le prime bottiglie vinificate qui sono arrivate sul mercato locale nel 2006.

La filiera agricola virtuosa inaugurata alla fine del XIX secolo, che dall’allevamento passava attraverso l’azienda agricola per arrivare all’agriturismo, ha trovato il suo naturale compimento nella nuova cantina, che dava la possibilità e lo spazio, anche intellettuale, di dedicarsi con assiduità all’elevazione dei propri contenuti.

Dal 2011 ha iniziato a delinearsi un nuovo obiettivo: ai Solive Franciacorta DOCG, oggi riservati ai clienti dell’agriturismo, si sono via via affiancate le prime bottiglie destinate a fregiarsi del nuovo marchio di eccellenza, I Barisèi, quintessenza di tanti anni passati a misurare le proprie capacità e il proprio valore.

I BARISÈI IN NUMERI

1898 la data di nascita dell’azienda agricola.

40 ettari di proprietà (85% chardonnay e 15% pinot nero).

35 mila produzione totale di bottiglie I Barisèi (potenziale è intorno alle 100 mila bottiglie).

4/5 (1)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here