Home Eventi Hostmilano: in programma un webinar sull’intelligenza artificiale

Hostmilano: in programma un webinar sull’intelligenza artificiale

Il 30 marzo dalle ore 11.00, HostMilano terrà un webinar per parlare di intelligenza artificiale e della sua importanza per la ripartenza anche nel mondo horeca e dell'ospitalità

Hostmilano: in programma un webinar sull'intelligenza artificiale

Il mercato dell’intelligenza artificiale ha risposto bene all’emergenza sanitaria, segnando una crescita del 15% rispetto al 2019 e raggiungendo un valore di 300 milioni di euro, di cui il 77% commissionato da imprese italiane (230 milioni) e il 23% come export di progetti (70 milioni). Sono questi alcuni dei positivi risultati della nuova ricerca dell’Osservatorio Artificial Intelligence della School of Management del Politecnico di Milano che verranno analizzati nel corso del prossimo webinar, dal titolo “Intelligenza artificiale per le aziende: tecnologie e innovazioni per ripartire”, organizzato da HostMilano, in collaborazione con Fiera Milano Media – Business International, per creare un percorso di avvicinamento alla manifestazione di Fiera Milano dedicata al mondo dell’hospitality e dell’Horeca, in programma dal 22 al 26 ottobre 2021.

Un momento di dialogo, pensato per consentire a tutti gli spettatori di guardare sempre di più verso un futuro in grado di puntare al successo e alla ripartenza, e che, moderato da Nicola Gatti, Professore Associato e Direttore dell’Osservatorio Artificial intelligence del Politecnico di Milano, vedrà tra i suoi protagonisti alcuni dei principali esperti e professionisti del settore in ambito industriale e della ricerca e sviluppo, come Fabio Ceccarani, CEO di Simonelli Group, Simona Greco, Group Owned Exhibitions Director di Fiera Milano, Marco Landi, Presidente di QuestIT, e Nicola Michelon, CEO di Unox.

L’ITALIA HA VOGLIA DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Dai dati dell’Osservatorio del Politecnico di Milano, infatti, nonostante i problemi di budget dovuti alla pandemia siano stati una forte barriera alla diffusione di soluzioni di AI (indicata dal 35% delle aziende), queste sono ormai presenti nel 53% delle imprese medio-grandi italiane e sono cresciute le realtà che hanno in corso progetti pienamente operativi, passate dal 20% del 2019 all’attuale 40%. Un dato oltremodo interessante e propositivo, questo, che sottolinea come le aziende del nostro Paese non si siano fermate, ma stiano invece preparando le solide basi per dare una nuova spinta alla propria attività dopo mesi di paralisi.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: LA CHIAVE PER LA RIPRESA

Che l’AI rappresenti secondo molti la nuova via per la ripresa lo dimostra anche il fatto che negli ultimi dodici mesi l’intelligenza artificiale abbia attirato un crescente interesse da parte delle istituzioni.
È stata pubblicata la “Strategia Italiana per l’Intelligenza Artificiale”, sono state poste le basi per la nascita dell’Istituto Italiano per l’Intelligenza Artificiale (I3A) – un hub nazionale per coordinare le diverse attività di ricerca e contribuire allo sviluppo del settore – e l’AI è stata citata nel piano europeo per la ripresa come una delle tecnologie chiave per il rilancio dell’economia e la trasformazione digitale.
Ed è ormai un concetto noto anche ai consumatori, con il 94% che ha sentito parlare almeno una volta di AI e il 51% che ha utilizzato prodotti e servizi con funzionalità di intelligenza artificiale.
Dagli smart voice assistant come Alexa o Siri, ai chatbot di e-commerce e home banking, fino agli algoritmi di Facebook, Instagram e Google, ormai tutti parlano di questa tecnologia, quasi come fosse un gioco, ma la sua implementazione, soprattutto nel mondo del business, non è così semplice e immediata come si pensa.
Secondo i dati dell’Osservatorio, infatti, mentre nelle grandi realtà operanti in Italia i progetti di AI sono presenti nel 61% delle risposte, le medie aziende del Bel Paese appaiono ancora poco mature e hanno progetti attivi solo nel 21% dei casi.

L’OPPORTUNITA’ DA COGLIERE PER HO.RE.CA. E HOSPITALITY

In questo contesto, un settore come quello dell’Hospitality e dell’Horeca possono giocare un ruolo importante, in termini di adozione e utilizzo dell’intelligenza artificiale, sia nella gestione di strutture, prenotazioni, manutenzioni delle macchine e dei sistemi di gestione, sia nel coinvolgimento e nella cura del cliente grazie alla realizzazione di applicazioni smart o chatbot e piattaforme che, attraverso l’analisi dei dati, offrono oggi l’opportunità di promuovere un servizio sempre migliore e più personalizzato.
Dai camerieri robot alle attrezzature smart e dalle piattaforme di prenotazione e gestione dei servizi automatizzate alla riduzione dei costi dovuti all’utilizzo di sistemi intelligenti e in grado di ridurre gli sprechi di energie e di tempi di processo, l’Artificial intelligence è dunque una grande risorsa per il settore, ma se da grandi poteri derivano grandi responsabilità, è necessario che, soprattutto, il top management delle aziende italiane impari a comprenderne a fondo i vantaggi e anche i rischi prodotti da questa tecnologia innovativa, investendo su nuovi talenti che siano in grado di gestirla nel migliore dei modi.
Secondo l’analisi del Politecnico di Milano, infatti, tra gli ostacoli più rilevati dalle aziende per una corretta adozione dell’IA, al netto della riduzione dei budget, intervenuta nel corso dell’ultimo anno a causa della pandemia da Covid-19, ci sono lo scarso impegno del top management (34%), la limitata cultura digitale aziendale (26%) e la difficoltà a definire come applicare l’AI all’interno del business (26%).
Tre aspetti fondamentali da curare in questo momento, tanto più in settori come quello dell’Horeca e dell’hospitality. Due segmenti del business tricolore che fanno dell’innovazione e della capacità di rendersi attrattivi e competitivi, agli occhi del proprio pubblico, un’esigenza primaria per raggiungere il successo in un contesto nel quale la rapidità del servizio e la personalizzazione dell’offerta risultano sempre di più delle caratteristiche distintive a cui le nuove generazioni di clienti iper-digitalizzati non possono rinunciare.

Per consultare il programma completo AIXA (Artificial Intelligence Expo of Applications) www.aixa.it
L’iscrizione al webinar è gratuita dal sito: www.host.fieramilano.it

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    5/5 (1)

    Lascia una valutazione

    Condividi su: