Home Aspettando Host 2019 Host 2019 – L’albergo è un parco giochi tecnologico secondo Mangialardi di...
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Host 2019 – L’albergo è un parco giochi tecnologico secondo Mangialardi di Allegroitalia

0
Host 2019 - Allegroitalia

La realtà alberghiera è un universo dinamico in continua trasformazione, che offre infinite sfaccettature e altrettante potenzialità ancora da esprimere.
In attesa di Host 2019, ci si interroga su come vede l’ospitalità del futuro una compagnia giovane e dinamica con strutture in Italia e Cina, con particolare riguardo al tema della tecnologia.

Piergiorgio Mangialardi, tra i fondatori di Allegroitalia, racconta che per le strutture del brand è stata sviluppata una app che ha lo scopo di fare socializzare gli ospiti. Durante la prenotazione, si dà indicazione della propria compagnia di viaggio e l’app si occupa dell’operazione di matching con gli altri ospiti: abbinando persone con interessi simili si può dare loro occasioni d’incontro e la possibilità di svolgere attività insieme, anche grazie alle numerose aree comuni presenti nelle strutture.

Mangialardi ha parlato anche di servizi particolari, riservati agli ospiti: “tutti i weekend dalle 10 di mattina alle 10 di sera è previsto un intrattenimento dei bambini che non sono “parcheggiati”, ma vengono coinvolti in attività specifiche, ludiche ma anche di edutainment. Un servizio particolarmente apprezzato anche dai genitori single, un tipo di clientela in aumento”.

Restare al passo con le nuove esigenze degli ospiti è uno degli aspetti fondamentali per gli albergatori. E la tecnologia al servizio della socializzazione sta dando riscontri più che positivi.

Dotazioni tecnologiche di base all’interno degli hotel sono un tablet a disposizione di chi ne ha bisogno, wi-fi gratis e una smat tv in ogni camera, da cui accedere al proprio abbonamento Netflix o navigare in internet.

Fra le prossime idee di Allegroitalia: una chatbot, ovvero un software ideato per simulare una conversazione con un operatore, che faccia ordini interni attraverso Messenger.

Secondo Mangialardi, i clienti si aspettano principalmente “divertimento” da un soggiorno in albergo. E questo divertimento deve ormai provenire anche dalla tecnologia. Vespe e biciclette a disposizione per spostarsi autonomamente, ma anche giochi e simulatori di guida.

E infatti una stanza oscura in cui sperimentare la realtà virtuale è già in progetto per l’Allegritalia di Torino.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here