Home Farine HorecaTv.it. Intervista a TUTTOFOOD 2019 con Antimo Caputo di Molino Caputo srl
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

HorecaTv.it. Intervista a TUTTOFOOD 2019 con Antimo Caputo di Molino Caputo srl

0
Molino Caputo

La storia di Molino Caputo affonda le radici nel lontano 1924, quando due giovani emigranti fanno ritorno dall’America e danno il via all’attività ora gestita dalla terza generazione della famiglia.
L’arte dei maestri mugnai Caputo ha portato al perfezionamento del così detto “Metodo Caputo”, un metodo a macinazione molto lenta, grazie al quale si ottengono farine di altissima qualità senza mai danneggiarne gli amidi, le proprietà organolettiche e il gusto originale dell’ingrediente.
Un metodo che rende unici i prodotti del Molino Caputo, apprezzati e utilizzati in tutte le pizzerie italiane e internazionali.

Quest’anno a TUTTOFOOD, come ci racconta in questa intervista realizzata da Fabio Russo per HorecaTv.it Antimo Caputo, amministratore delegato dell’azienda, Molino Caputo ha presentato due importanti novità: la farina Nuvola e il lievito italiano attivo disidratato.
La farina Nuvola è ideale per realizzare pizze contemporanee, sia in teglia che in pala, leggere e fragranti con un cornicione molto alto.
Il lievito secco attivo, naturalmente senza glutine, si presenta come un prodotto fortemente innovativo ad alto potere fermentativo studiato per pizze e dolci dalla lunga lievitazione. Una valida alternativa al lievito naturale che permette anche di evetare sprechi; grazie alla sua confezione richiudibile è riutilizzabile per un periodo di tempo prolungato.

Clicca sull’immagine e segui l’intervista a Antimo Caputo

molino caputo

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
5/5 (4)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here