Home Birre Hordeum: dal campo alla bottiglia una storia di successo
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Hordeum: dal campo alla bottiglia una storia di successo

0
hordeum

Hordeum è un birrificio agricolo di Novara e come tale fa dell’appartenenza al territorio il fulcro della sua vita aziendale.
Novara è la città che ci ha visti nascere per diventare imprenditori, professionisti e padri di famiglia. Siamo persone che, nel loro territorio, hanno condiviso idee e progetti creando opportunità e seminato speranze”: dichiara il risicoltore Marco Mario Avanza, presidente del CDA.
Hordeum,conta per la produzione delle sue birre anche sulle coltivazioni risicole. Il riso, prodotto tipico di quei territori, diventa una risorsa per valorizzare così i frutti della propria terra.
Grazie all’esperienza diretta nel settore agricolo da parte di alcuni fra i soci fondatori, Hordeum è una realtà nella quale si vive in prima persona la selezione delle materie prime, sia dal punto di vista della qualità che da quello della varietà, tradotta nelle diverse tipologie di prodotto.
Tale scelta, unitamente ad un duro lavoro e tanto entusiasmo, è stata premiata con un prestigioso secondo posto nell’ambito del concorso Birra dell’Anno 2018, il più importante concorso brassicolo nazionale con notevole rilevanza internazionale che premia le birre d’eccellenza ed il migliore birrificio d’Italia.


Il concorso, organizzato dall’associazione di categoria Unionbirrai con il supporto di Italian Exhibition Group – Fiera di Rimini, ha visto quest’anno la partecipazione di 279 produttori e 1650 birre, circa il 20% in più rispetto alla scorsa edizione.
La giuria formata da 84 esperti del settore provenienti da tutte le parti del mondo, ha selezionato le migliori birre di ogni categoria, 41 quest’anno, a differenza delle 29 della passata edizione, premiando le prime tre in classifica.
Venus, la birra nera al riso Venere, si è classificata seconda nella cat. 31 (Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di cereali speciali compresi grani antichi).
Siamo molto orgogliosi di questo riconoscimento perchè premia il nostro sforzo quotidiano nel far emergere il valore del nostro territorio attraverso le eccellenze dei nostri prodotti agricoli: nella Venus infatti il protagonista è il riso Venere, ingrediente caratterizzante che ci ha permesso di distinguerci in questa categoria” Conclude Paolo Carbone, amministratore delegato e birraio di Hordeum.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here