Home Notizie Libri Guida Michelin Italia 2019 – Dieci 3 stelle e i Premi speciali

Guida Michelin Italia 2019 – Dieci 3 stelle e i Premi speciali

Chef stellati - Guida Michelin 2019

La 64a edizione della Guida Michelin Italia è disponibile da oggi in tutte le librerie e, sugli store iOS e Android, sarà possibile scaricare gratuitamente la app Michelin Ristoranti.

Nell’anno in cui l’omino Michelin festeggia il suo 120° compleanno, la nuova Guida Michelin Italia festeggia i ristoranti tre stelle che arrivano a quota 10, grazie al ristorante Uliassi, a Senigallia (AN).

I Magnifici 10 *** “valgono il viaggio”

Nel linguaggio della Guida, *** (le tre stelle) è un’indicazione per gli appassionati gourmet di tutto il mondo, che, quest’anno, li orienta verso 10 destinazioni di viaggio in Italia: una cucina che “vale il viaggio”. Il pittogramma delle tre stelle segnala i ristoranti per i quali Michelin suggerisce di pianificare un viaggio.

Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ). E da oggi anche la cucina dello chef Mauro Uliassi, dell’omonimo ristorante di Senigallia.

39 ** “meritano una deviazione” e 318 * “meritano la tappa”

Oltre ai 39 ristoranti che hanno ottenuto 2 stelle Michelin, ci sono 29 new entry fra quelli che hanno ottenuto 1 stella Michelin:

La regione più ricca di novità (5) al nord è il Piemonte, dove Antonino Cannavacciuolo si concede il bis di stelle a Torino, al Cannavacciuolo Bistrot Torino, con lo chef Nicola Somma, e a Novara, al Cannavacciuolo Cafè & Bistrot, con Vincenzo Manicone, mentre Enrico Bartolini aggiunge alla sua collezione una nuova stella, attribuita alla Locanda del Sant’Uffizio Enrico Bartolini, a Cioccaro di Penango (AT), con lo chef Gabriele Boffa.
Molte le novità al sud, in particolare il ritorno della stella in Basilicata, a Matera, al ristorante Vitantonio Lombardo, e una nuova stella in Calabria al ristorante Quafiz, dello chef “Nino” Rossi, a Santa Cristina d’Aspromonte (RC).
Nelle isole ritroviamo volti noti: in Sicilia, il tristellato Heinz Beck a Taormina (ME) conquista una stella al St. George by Heinz Beck, guidato dallo chef Giovanni Solofra, mentre in Sardegna, a Porto Cervo (SS), Italo Bassi riconquista la stella al ristorante ConFusion Lounge.

Premi Speciali Michelin 2019

Nell’ambito della presentazione della 64° edizione della Guida Michelin Italia 2019, a Parma, sono stati assegnati i Premi Speciali: Giovane Chef Michelin 2019, Qualità nel Tempo Michelin 2019, Servizio di Sala Michelin 2019 e il nuovo premio speciale Passion for Wine Michelin 2019.

Giovane Chef Michelin 2019

Il premio Giovane Chef Michelin 2019, offerto da Lavazza, è stato assegnato a Emanuele Petrosino, I Portici*, Bologna.
Classe 1986, Emanuele cresce professionalmente nella sua amata Campania, dove lavora in grandi cucine e apprende la delicata arte del prodotto. La sua cucina è un dialogo tra la sua terra di origine e l’Emilia Romagna, due tradizioni che, pur nelle diversità, si fondono armoniosamente.

Qualità nel Tempo Michelin 2019

Il premio Qualità nel Tempo Michelin 2019, offerto da Eberhard Italia, è stato assegnato a La bottega del 30* Castelnuovo Berardenga (SI), che nel 2017 ha compiuto 30 anni di attività.
Tra queste mura in pietra che custodiscono i ricordi di una vita trascorsa in Toscana e in cucina, dal 1997 brilla una delle stelle più longeve della Michelin. Qui, Hélène Stoquelet, che arriva dalla Francia, ha fatto scuola, insegnando a molti giovani chef una cucina toscana corposa, dal tocco francese leggero e femminile.

Servizio di Sala Michelin 2019

Il premio Servizio di Sala Michelin 2019, offerto da Coppini Arte Olearia, è stato assegnato a Casa Perbellini**, Verona.
Il bravo chef Giancarlo Perbellini ha creato un nuovo concetto di ospitalità con Casa Perbellini, un ambiente dinamico e informale, ma anche professionale e seriamente attento, calmo e rilassante, frutto di una piacevole liaison tra il servizio di sala capitanato da una giovane e professionale Barbara Manoni e l’affiatato team di cucina, dove precisione di movimenti e silenzio creano una atmosfera unica e calda.

Passion for Wine Michelin 2019

Il premio Passion for Wine Michelin 2019, offerto dal Consorzio del vino Brunello di Montalcino, è stato assegnato alla Locanda Devetak, Savogna d’Isonzo (GO).
Passione e accoglienza sono il binomio vincente della famiglia Devetak, qui da 3 generazioni, ora rappresentata da Auguštin Devetak con le 4 figlie. Auguštin ha una cantina frutto di una ricerca trentennale, iniziata dal padre Roberto, ricca di vini nazionali ed internazionali, in cui spiccano le etichette dei Paesi limitrofi, dalla Slovenia all’Austria, fino all’Ungheria e alla Germania. La passione si riflette anche nell’attenzione al rapporto qualità/prezzo e alla selezione al bicchiere.

Il cielo stellato della Guida Michelin Italia 2019

La Lombardia è la regione più stellata, con 2 novità: 60 ristoranti (2*** 6** 52*). Il Piemonte, con 5 novità, riconquista la seconda posizione, con 45 ristoranti (1*** 4** 40*), mentre la Campania, con due novità, si colloca al terzo posto del podio, con 43 ristoranti, (6** 37*). A seguire il Veneto, a quota 39, con due novità (1*** 3** 34*), e la Toscana, con 3 novità, per un totale di 36 ristoranti (1*** 4** 30*).
Cambio al vertice tra le province: Napoli conquista la vetta con 24 ristoranti (6** 18*), Roma passa in seconda posizione con 23 ristoranti stellati (1*** 2** 20*), mentre Bolzano riconquista il terzo posto 1*** 5** 15*). Seguono Milano, con 18 ristoranti (4** 14*), e Cuneo, a quota 17 (1*** 1** 15*).

Tra le 30 novità stellate, è significativo il dato relativo ai giovani chef: 15 ristoranti sono guidati da giovani talenti che hanno un’età uguale o inferiore a 35 anni. Tra questi, 10 hanno un’età uguale o inferiore a 30 anni.

Print Friendly, PDF & Email
3/5 (1)

Lascia una valutazione

Condividi su: