Home Food Delivery Gli chef Iannotti, Cerea e Rinaldini per la cena delivery stellata di...

Gli chef Iannotti, Cerea e Rinaldini per la cena delivery stellata di beneficenza

Dal Friuli alla Calabria, isole comprese, venerdì 23 aprile chi vorrà sostenere la ricerca scientifica dell’Istituto di Ricerca Urologica (URI) dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, e in particolare il progetto Re.Me.Diet, potrà aderire su https://sostienici.hsr.it/sostienici/iniziative-ed-eventi/una-cena-stellare-remediet.html all’iniziativa promossa dagli chef Giuseppe IannottiChicco e Bobo Cerea con il pastry chef Roberto Rinaldini di una cena delivery stellata a più mani ispirata al concetto di evoluzione della dieta mediterranea.  Ricerca dell’equilibrio nutrizionale, creatività, sperimentazione in cucina e alcuni ingredienti tipici dell’area mediterranea sono gli elementi che caratterizzano i prestigiosi menù disponibili in modalità delivery in tutta Italia.

Chef Giuseppe Iannotti credits Marco Varoli

A causa dell’emergenza sanitaria dovuta all’epidemia di Covid-19, quest’anno l’esclusiva cena di gala per Re.Me.Diet sarà in versione delivery, in modo che ciascuno possa degustare in sicurezza e a casa propria le prelibate proposte gastronomiche pensate dagli chef stellati e consegnate a domicilio in pratiche box, dotate di istruzioni per finalizzare la preparazione del piatto che arriva sottovuoto.

L’iniziativa ha lo scopo di sostenere il progetto Re.Me.Diet, studio scientifico di ricerca traslazionale promosso da due ricercatori dell’Istituto di Ricerca Urologica dell’IRCCS Ospedale San Raffaele: dottor Francesco Trevisani, nefrologo, e dottoressa Arianna Bettiga, nutrizionista. Obiettivo del progetto è dimostrare come una corretta alimentazione che segua i principi della dieta mediterranea sia in grado di modificare l’espressione dei nostri geni, proteggendoci dall’insorgenza di patologie renali e metaboliche.

Con le istruzioni verrà comunicato anche un link per connettersi in diretta alle ore 20.00 con gli chef e i responsabili del progetto Re.Me.Diet, che insieme daranno il benvenuto virtuale agli ospiti della cena benefica.

Chicco e Bobo Cerea

Il progetto RE.ME.DIET

Il progetto RE.ME.DIET nasce dai ricercatori e medici di URI (Urological Research Institute) dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano che da anni sono impegnati nello studio dell’impatto epigenetico della Dieta Mediterranea sulla prevenzione e terapia delle malattie renali. I medici e i ricercatori di Re.Me.Diet intendono studiare il giusto abbinamento degli alimenti tipici della dieta mediterranea con l’obiettivo di sviluppare una medicina predittiva, che basandosi sulle caratteristiche genetiche dell’individuo possa anticipare una stima dei rischi di quest’ultimo di sviluppare una determinata patologia per poter intervenire sulle abitudine alimentari modificando l’espressione dei geni e proteggendoci quindi dall’insorgenza di patologie renali e metaboliche. Questo progetto, di respiro internazionale, presentato da Francesco Trevisani e Arianna Bettiga all’Europarlamento a Bruxelles nel 2018, ha sempre visto l’importante sostegno di chef stellati, convinti che il rigore scientifico e la correttezza metodologica debbano sempre incontrare il gusto e il piacere della buona tavola.

Gli Chef

Giuseppe Iannotti

Chef e patron di Krèsios, 1 stella Michelin a Telese Terme (Bn), Giuseppe Iannotti, classe 1982, rappresenta uno dei cuochi più avanguardisti del panorama nazionale e internazionale. Mente ingegneristica e sguardo al futuro, ha una visione gastronomica strettamente correlata alla sperimentazione culinaria e scientifica, come testimonia il suo progetto IannottiLab, laboratorio creativo di ricerca e studio. Ricerca applicata anche nel format 8pus, inaugurato a maggio 2020, che per primo ha sviluppato una formula di delivery ready to cook di alta cucina che arriva in tutta la Penisola, curando ogni singolo aspetto del progetto, dalla materia prima agli imballaggi e alla conservazione durante il trasporto, fino al packaging ecologico. Tra i riconoscimenti, oltre la stella Michelin confermata tutti gli anni dal 2013 a oggi, i premi “Miglior giovane chef dell’anno” e “Innovazione in cucina” per la Guide de l’Espresso (2012 e 2017) e il “Premio vent’anni” di San Pellegrino nel 2013.

Enrico e Roberto Cerea – Da Vittorio, tre stelle Michelin

Enrico, detto Chicco, e Roberto, Bobo, sono entrambi executive chef di Da Vittorio, ristorante tre stelle Michelin a Brusaporto, in provincia di Bergamo. Figli di Bruna e Vittorio Cerea, che il 6 aprile 1966 aprirono il loro primo ristorante Da Vittorio proprio nella città orobica, insieme ai fratelli Francesco, Barbara e Rossella fanno parte di una delle dinastie gastronomiche più famose e longeve del panorama, considerata tra gli alfieri di un nuovo modo di concepire la ristorazione fine dining e l’accoglienza in Italia. Chicco e Bobo sono cresciuti in cucina insieme a papà Vittorio, che in una città votata alla carne come Bergamo aveva invece deciso di puntare sul pesce (scommessa rivelatasi vincente): la sua lungimirante visione si è ulteriormente sviluppata grazie all’evoluzione compiuta dai figli, che interpretano con tecnica solidissima ed estro contemporaneo i grandi classici della tradizione gastronomica italiana. Oggi il Gruppo Da Vittorio è un sistema di business articolato in diverse aree di offerta, tutte accomunate dallo stesso obiettivo: offrire ai propri clienti un’esperienza d’eccellenza a tutti i livelli. Accanto allo storico ristorante 3 Stelle Michelin a Brusaporto, troviamo Da Vittorio St. Moritz (2 stelle Michelin dal 2020) e Da Vittorio Shanghai (2 stelle Michelin dal 2020); la Dimora, sempre a Brusaporto, che con le sue 10 camere di charme fa parte del circuito Relais&Châteaux; la Pasticceria Cavour, piccolo gioiello ristrutturato a Bergamo Alta e da tempo inserito nella lista dei Locali Storici d’Italia, cui si aggiungerà a breve la Locanda Cavour, che così completa l’offerta di accoglienza firmata Da Vittorio; un modello di ristorazione esterna pret-a-porter considerato tra i migliori al mondo; un sistema di ristorazione collettiva che offre competenza e qualità in ogni ambito; importanti consulenze per realtà di prestigio come Terrazza Gallia a Milano e Allianz Stadium a Torino; non ultima, l’apertura di DaV Cantalupa, il pop up restaurant con una formula di cucina più informale e giocosa, ora seguita da DaV Mare presso lo Splendido Mare di Portofino.

Roberto Rinaldini

Pasticcere, maestro AMPI – la prestigiosa Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani, membro di Relais Desserts, associazione francese che riunisce l’élite della pasticceria mondiale e fondatore di Rinaldini Pastry S.p.A. Alfiere della qualità e dell’eccellenza della pasticceria artigianale italiana, dallo stile assolutamente originale, moderno ed elegante, che si distingue per le frequenti ‘incursioni’ nel fascinoso mondo della moda. Un mondo che ama da sempre per la cura del dettaglio e a cui si ispira per la forte imprenditorialità e per l’immagine. Ogni dolce infatti è concepito come un’opera a sé, un capolavoro sartoriale alla cui base resta però, sempre e comunque, la ricerca caparbia di una qualità a 360 gradi: dalla selezione delle materie prime alle tecniche di lavorazione, fino alla scelta del packaging e degli ambienti di vendita.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: