Home Acque Minerali Fonti di Vinadio Spa tra le prime 25 aziende del largo consumo...

Fonti di Vinadio Spa tra le prime 25 aziende del largo consumo confezionato

0
fonti di vinadio

Dallo scorso settembre il Gruppo Fonti di Vinadio Spa, produttore del brand Sant’Anna, leader delle vendite nel settore acqua minerale, è entrato nel ranking delle 25 aziende top del Largo Consumo Confezionato, posizionandosi ai vertici del mercato al fianco dei grandi gruppi e delle multinazionali proprietari dei marchi più noti del largo consumo.

Confermata la presenza in classifica anche nel mese di ottobre, è una delle sole sei aziende (sulle 25 in classifica) che crescono con un segno positivo, la seconda per tasso di crescita, con +4.8 a valore e +5.8 a volume.
Con +3.6 a volume e + 6.3 a valore, Sant’Anna è tra le poche marche di acqua minerale a crescere in un mercato sostanzialmente stabile o in decremento (- 1.8 a volume e – 0.7 a valore la media del mercato).

“Il successo di Sant’Anna – commenta il Direttore Commerciale Luca Chericrediamo si debba in particolare al fatto di aver implementato una gamma completa di prodotti che soddisfano tutte le esigenze di consumo. Abbiamo lavorato a fondo per intercettare i diversi momenti di consumo e investito risorse importanti per sviluppare continuamente nuovi formati in grado di soddisfare le necessità del consumatore.”

Oggi la gamma conta oltre venti referenze di acqua minerale incluse quelle nella speciale bottiglia compostabile, prodotta senza neanche una goccia di petrolio: Bio Bottle ci sta dando grandi soddisfazioni – continua Cheri – proprio nel decimo anno dal suo debutto sul mercato. È molto richiesta da canali distributivi diversi dalla grande distribuzione, dai top hotels alle catene specializzate nella cura della persona e benessere, ci ha permesso di sviluppare canali alternativi a quelli classici, sfruttando la trasversalità dei momenti di consumo.”
L’acqua minerale rappresenta l’80% del mercato delle bevande analcoliche. Dal 2013 al 2017 è cresciuta del 18% a fronte di un decremento del -10% delle bevande gassate, conseguenza di un’attenzione sempre più diffusa per un’alimentazione sana e funzionale al benessere.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here