Home Senza categoria Etichetta alimentare. Un manuale d’uso istruisce sul NutrInform Battery

Etichetta alimentare. Un manuale d’uso istruisce sul NutrInform Battery

Pubblicato dal Mise, il manuale d'uso fornisce le indicazioni necessarie sul Nutrinform Battery, l'etichetta italiana.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato con un avviso il Manuale d’uso del NutrInform Battery, l’etichetta alimentare italiana facoltativa che punta a dare un’informazione completa ai consumatori.

Il Manuale fornisce le condizioni d’uso del marchio NutrInform Battery nonché le indicazioni sulla sua progettazione, presentazione e posizionamento in coerenza con le modalità di presentazione delle informazioni di cui al regolamento (UE) n. 1169/2011.

Il Manuale è pubblicato ai sensi dell’articolo 1, comma 4 del Decreto 19 novembre 2020 “Forma di presentazione e condizioni di utilizzo del logo nutrizionale facoltativo complementare alla dichiarazione nutrizionale in applicazione dell’articolo 35 del regolamento (UE) 1169/2011” pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 304 del 7 dicembre 2020.

Clicca qui per scaricare il Manuale d’uso NutrInform Battery

Federalimentare: “Auspichiamo largo uso dell’etichetta da parte delle nostre aziende

Con il manuale d’istruzioni pubblicato dal Mise per l’uso dell’etichetta NutrInform Battery l’Italia ha finalmente l’occasione di dimostrare concretamente ciò che da tempo sostiene in tutte le sedi e cioè che il nostro è il sistema di etichettatura migliore per una conoscenza veritiera e approfondita di ciò che il consumatore compra e poi mette in tavola” così Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare, commenta la pubblicazione da parte del Mise delle linee guida per le aziende alimentari in relazione all’etichetta NutrInform Battery.

La NutrInform Battery è entrata ufficialmente in vigore in Italia a dicembre 2020 ed è in discussione a livello europeo come proposta alternativa al Nutriscore, un sistema che contrassegna i cibi come salubri o insalubri attraverso un colore e a cui l’Italia è fortemente contraria perché antiscientifico e in contrasto con le basi della dieta mediterranea. “Le istituzioni, con il nostro supporto e quello di tutta la filiera hanno portato avanti una battaglia a livello europeo contro il Nutriscore, creando un’etichettatura che fosse più educativa e meno fuorviante per il consumatore, la NutrInform battery, appunto. Ora l’Italia può dare una dimostrazione concreta che le cose stanno esattamente così. Per questo – continua Vacondio – auspichiamo un ampio utilizzo tra le aziende del food & beverage di questa etichetta: sarebbe un segnale forte e un esempio virtuoso da portare anche in Europa“.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: