Home Notizie Salute È allarme per i cartoni della pizza al bisfenolo

È allarme per i cartoni della pizza al bisfenolo

bisfenolo, cartoni pizza

I produttori di contenitori per pizza rispettano le regole in un quadro non armonizzato: è la risposta di Assocarta all’inchiesta de Il Salvagente sulla presenza di bisfenolo in alcuni cartoni utilizzati per il take away della pizza.
Inchiesta giunta in Europa per l’intervento dell’eurodeputato Massimo Paolucci che ha presentato un’interrogazione con richiesta di risposta scritta alla Commissione.

Paolucci riassume i risultati delle analisi de Il Salvagente e spiega che “sono emersi livelli di migrazione specifica di questa pericolosa sostanza dall’imballaggio all’alimento tra le tre e le sei volte più alti dei limiti autorizzati per i materiali e gli oggetti in plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari”. Assocarta ribadisce con forza di aver sempre chiesto una normativa europeo sulle carte a contatto per alimenti, facendosi, nel contempo, promotrice di linee guida e di iniziative formative.
La normativa italiana è la più restrittiva con un divieto a priori per le fibre riciclate ma, secondo Assocarta, la tutela della sicurezza dei consumatori deve essere unica a livello europeo.
I cartoni che provengono da altri paesi, ma che si usano anche in Italia, potrebbero infatti contenere Bisfenolo A (presente soprattutto negli scatoli realizzati con carta riciclata) sostanza più volte messa sotto i riflettori in quanto dannosa per l’uomo e p; il bisf capace di produrre anomalie riproduttive, cancro al seno e alla prostata, diabete e malattie cardiache.
Oggi secondo le analisi del Salvagente, si ritrova in 2 cartoni su 3 per la pizza in concentrazione elevate, soprattutto in quei cartoni prodotti all’estero.
Mentre il Ministero della Salute ha avviato un’indagine, resta alta la preoccupazione: il pericolo più elevato è che il bisfenolo si trasferisca dal cartone all’alimento al nostro organismo, per tanto è sempre meglio accertarsi che il cartone utilizzato sia made in Italy: nel nostro paese, infatti, come già detto la regolamentazione è più rigida e i contenitori sono prodotti esclusivamente con cellulosa vergine.

Print Friendly, PDF & Email
5/5 (1)

Lascia una valutazione

Condividi su: