Home Notizie Attualità Dalle aziende dell’Horeca e alimentare aiuti concreti all’Italia

Dalle aziende dell’Horeca e alimentare aiuti concreti all’Italia

bofrost - cantina di vicobarone - molini pivetti

In questo momento in cui l’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del COVID-19 va di pari passo con le difficoltà delle imprese e delle attività del nostro Paese, a causa delle misure contenitive, abbiamo bisogno anche di segnali positivi. Per questo Horecanews.it, tenendo fede al patto d’informazione con i suoi lettori, ha deciso di non fermare la normale programmazione ma di tenervi aggiornati sulle notizie del settore, anche per concedere un momento di svago dalle difficoltà del momento.

Da Bofrost 350mila euro per gli ospedali di tutta Italia

BofrostOltre 350 mila euro da parte di Bofrost Italia per sostenere, con l’acquisto di attrezzature sanitarie, più di 50 ospedali su tutto il territorio nazionale impegnati nella cura dei pazienti affetti da Covid-19. È questo il risultato dell’iniziativa “Insieme siamo una forza” avviata all’inizio di marzo dalla più grande azienda italiana di vendita a domicilio di surgelati, operazione che si concluderà sabato 18 aprile con i primi versamenti destinati alle strutture sanitarie.

Uno sforzo che ha visto uniti l’azienda, i venditori impegnati a promuovere capillarmente l’iniziativa e soprattutto i clienti Bofrost di tutta Italia, che hanno dato prova di grandissima generosità – spiega l’amministratore delegato di Bofrost Italia Gianluca Tesolin. In poche settimane, infatti, siamo riusciti a mettere insieme una cifra importante, indirizzandola alle realtà che più ne hanno bisogno: un ospedale per ogni filiale, individuato e contattato preventivamente dal personale delle nostre filiali e “adottato”, quindi, dai nostri clienti, che hanno potuto fare donazioni per rispondere in modo concreto a questa emergenza sanitaria“.

Le strutture che beneficeranno delle donazioni sono oltre 50 in tutta Italia, distribuite in tutte le regioni italiane, dalle regioni del Nord più colpite dall’emergenza (e dove la presenza di Bofrost è storica) fino al Sud e alle Isole. “Non volevamo scegliere un unico ospedale, ma dare un aiuto concreto alle tante realtà locali che sono in prima linea nella battaglia al Coronavirus – prosegue Tesolin –. Abbiamo puntato sul legame che ogni nostra filiale instaura con il territorio di riferimento per far sentire i clienti ancora più coinvolti. Un ruolo determinante lo hanno avuto, come sempre, i nostri venditori, che in questo periodo difficile sono vicini a migliaia di famiglie italiane con un servizio indispensabile, quello della consegna di alimentari a domicilio, al quale si è aggiunto l’impegno instancabile nel promuovere la raccolta fondi. A tutto il personale sul campo, e ai clienti che hanno risposto così generosamente all’appello di Bofrost, va il ringraziamento mio e dell’azienda“.

bofrost* Italia – È la più importante azienda italiana della vendita diretta a domicilio di specialità alimentari surgelate senza nessuna interruzione della catena del freddo. Vi lavorano 2.400 persone in tutta Italia. Le sede centrale si trova a San Vito al Tagliamento (PN). A oggi, sono oltre un milione le famiglie italiane che apprezzano e conoscono i prodotti di bofrost* Italia. La qualità, il gusto e un eccellente servizio rappresentano i fattori di successo di questa azienda. www.bofrost.it

Molini Pivetti solidale: tre iniziative per sostenere la propria comunità

In questi giorni di straordinaria complessità e di enormi sacrifici che coinvolgono l’intera popolazione si moltiplicano i gesti di solidarietà a sostegno della comunità. La famiglia Pivetti, proprietaria da cinque generazioni della storica azienda Molini Pivetti di Renazzo (Fe) specializzata nella produzione di sfarinati, non poteva essere da meno e ha deciso di mobilitarsi di fronte all’emergenza Covid-19 con tre iniziative solidali rivolte al proprio territorio.

Sono stati donati martedì 14 aprile alla Protezione Civile di Cento, 140 sacchetti da 1 kg di farina per Pasta Fresca della linea Every Day Molini Pivetti, che verranno distribuiti nei prossimi giorni a cittadini anziani e alle famiglie bisognose del territorio comunale.

La generosità non si ferma qui. Nei giorni precedenti l’azienda ha donato 880 kg di farina, in collaborazione con l’azienda Smurfit Kappa, ai volontari della Croce Rossa di Finale Emilia (Mo) impegnati nella distribuzione di generi alimentari alle famiglie del territorio in difficoltà. Infine, nel giorno di Pasqua, insieme al Ristorante Pizzeria La Pergola di Renazzo, la Molini Pivetti ha regalato a sei reparti dell’Ospedale SS. Annunziata di Cento, 45 pizze destinate al personale sanitario ospedaliero. Un piccolo gesto per ringraziare tutti coloro che quotidianamente lavorano in prima linea nel contrastare il Coronavirus.

Gianluca Pivetti, AD della Molini Pivetti, esprime così il senso di queste iniziative: “La farina è da sempre un bene rifugio in tempi difficili, lo abbiamo visto con l’assalto agli scaffali. In questi giorni che ci vedono tutti sospesi ci sono persone e famiglie più fragili a cui dobbiamo pensare. Per questo abbiamo deciso, grazie allo straordinario lavoro dei volontari di Protezione Civile e Croce Rossa, di agire concretamente donando la nostra farina alle persone più bisognose e fragili. Ci sembra importante dare testimonianza viva della nostra vicinanza alle comunità, coerentemente con l’impegno quotidiano della nostra azienda, da sempre vicina ai bisogni e alle necessità del nostro territorio. Con la farina si possono realizzare diversi prodotti essenziali, dal pane alla pasta, speriamo che questo piccolo gesto aiuti le persone a sentirsi meno sole. Distanti ma vicini, ce la faremo.”

La holding, che ha adottato misure di contenimento del virus fra i suoi lavoratori già a inizio marzo, porta avanti quotidianamente il proprio lavoro dando continuità nel rifornimento del cereale e nella distribuzione di farine, nonostante le difficoltà riscontrate a causa di blocchi e dei provvedimenti messi in atto dagli stati confinanti e in Italia.

Cantina di Vicobarone conferma il sostegno alla Pubblica Assistenza Val Tidone – Val Luretta Onlus

“Donare ci rende più consapevoli e uniti. Donare ci rende migliori, sempre” con queste parole Giuseppe Gaddilastri, Presidente di Cantina di Vicobarone, ha riconfermato il sostegno alla Pubblica Assistenza Val Tidone – Val Luretta Onlus, contribuendo concretamente alla gestione del momento tanto complesso che tutti noi stiamo attraversando.

È importante che tutti ci impegniamo affinché al più presto venga ripristinata una situazione di normalità prosegue il Presidente “per questo anche Cantina di Vicobarone in questo periodo ha deciso di attivarsi con diverse iniziative non solo a supporto delle esigenze dei suoi consumatori, ma anche di quelle dell’intera collettività”.

Si punta al servizio di vendita online, quindi, ma con un occhio rivolto anche al di fuori.

In occasione della nuova promozione “Brinda alla Primavera”, attiva sul sito, la Cantina offre ai suoi Clienti un extra sconto sull’acquisto online di due Pacchetti “Le Selezioni” e “Gli Spumanti” pensati per gli amanti di vini espressione di un territorio unico.

Ma c’è molto di più. 

Consapevole dell’importanza di contribuire a progetti di sensibilizzazione e supporto del territorio e della sua popolazione, Cantina di Vicobarone per ogni acquisto oggetto della promozione in corso, devolverà la somma di euro 5 euro alla Pubblica Assistenza Val Tidone – Val Luretta Onlus.

“Vogliamo far sentire a tutti la nostra vicinanza e volontà di collaborazione, perché è insieme e uniti che si affronta ogni cosa”, prosegue il Presidente “è con lo spirito di chi crede nel proprio lavoro e ne affronta tutte le sfide che si cresce e si diventa ogni giorno migliori”. 

Cantina di Vicobarone ha già devoluto di sua iniziativa la somma di euro 2000 alla Pubblica Assistenza Val Tidone – Val Luretta Onlus per sostenere l’Associazione a gestire l’emergenza Covid – 19.

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: