Home Eventi Cucina italiana e cinese si incontrano al Cairo

Cucina italiana e cinese si incontrano al Cairo

Termina oggi in Egitto, al Cairo la prima tappa della manifestazione “Taste of Sunshine – Una settimana di Cucina Italiana e Cinese” per celebrare l’incontro delle due tradizione culinarie, una nuova via della seta, che passa attraverso il raviolo. Un ponte tra due realtà diversissime tra di loro ma la cui conoscenza ha condizionato il modo di vivere di entrambi i popoli.

Cinque cuochi italiani, tra cui Pietro Parisi, il noto “cuoco contadino” campano, hanno collaborato con altrettanti chef cinesi in un ristorante panoramico sul Nilo. È stato così proposto un menu italiano con una contaminazione cinese dedicata ai “Jiao Tzi“, il nome che in Cina indica i ravioli.
In programma anche una cena di gala metà italiana e metà cinese ed un menu cinese con una dedica alla cucina italiana.
Alla manifestazione hanno preso parte anche cuochi e studenti egiziani che hanno potuto cogliere tecniche e segreti di chef italiani e cinesi. Nel corso delle giornate è stata anche presentata la serie di iniziative dedicate alla cucina italiana e cinese per cui l’Università degli Studi di Salerno ha svolto il ruolo di promotore assieme al Centro culturale cinese del Cairo.
L’iniziativa della Nuova Via della Seta, detta anche The Belt and Road Initiative (BRI), é un’iniziativa strategica della Cina per il miglioramento dei collegamenti e della cooperazione tra paesi nell’Eurasia. Oltre che ai canali terrestri, la Bri, ha anche una rotta del mare che passa attraverso il canale di Suez e termina in Italia.  La Cina vuole finanziare attività in Europa, anche sotto forma di prestiti, per lo sviluppo sia di porti che di collegamenti ferroviari efficienti e moderni, oppure immettendo soldi per acquistare oppure per accedere nella compartecipazione della gestione di aziende statali europee. Il fulcro del progetto è operativamente già attivo sin dall’apertura dell’hub di Duisburg, in Germania, dove stazionerebbero le merci trasportate settimanalmente con l’arrivo di 25 treni speciali di soli container.

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: