Home Indagini e Ricerche Cresce il vino bio: in testa Calabria, Sicilia e Marche

Cresce il vino bio: in testa Calabria, Sicilia e Marche

0
vino bio

È un vero e proprio boom quello del vino bio, sempre più presente sulle tavole. Gli italiani sono passati da un volume di acquisti totali al supermercato e nella distribuzione moderna per 7,2 milioni di euro nel 2014 ai 32,3 milioni di euro nel 2018.

I dati sono stati forniti da Denis Pantini, responsabile Nomisma Wine Monitor da un’analisi su indagine Iri.

Nella produzione di vino bio, secondo dati Wine Monitor sugli impianti al 2017, la Sicilia (35%) è la regione che primeggia in assoluto, seguita a distanza da Puglia (14%), Toscana (14%), Marche e Veneto (5%), Calabria e Abruzzo (4%), oltre a un 20% che contempla tutte le altre regioni.

Prendendo in considerazione la percentuale di vigne bio sul vigneto totale regionale: il primato spetta alla Calabria (41,6%), davanti a Sicilia (36%), Marche (30,9%), Toscana (22,8%), Basilicata (19,5%), Puglia (16,7%), Lombardia (15,7%), Lazio (13,1%) e Abruzzo (12,2%).

Anche in Franciacorta, che produce le rinomate bollicine metodo classico, la green economy sta prendendo il sopravvento.

In Franciacorta il 70% del vigneto è oggi in conversione bio” ha detto Arturo Ziliani, proprietario coi fratelli, della Guido Berlucchi Spa.

Oggi numerosi locali ed enoteche vantano svariate etichette e sempre più consumatori entrano in negozio e chiedono specificatamente informazioni sui vini Bio: circa il 25%, ma il restante 75% si lascia “convertire” alla scelta del vino Bio se consigliato e sensibilizzato dal personale, che si dimostra quindi sempre più determinante sulle scelte del consumatore.

La fascia di età dei clienti che ricercano e acquistano i vini Bio è tra i 30-45 anni per le donne e 35-55 per gli uomini.

Diversa è la scelta per genere. Le donne sono colte per un 20% da scetticismo nei confronti del prodotto Bio. Il 30% di loro, però, sceglie in base ai tecnicismi del prodotto alla ricerca di percentuali di residui e solfiti inferiori, e ben il 50% sono guidate dalla tendenza “moda” della categoria. Gli uomini sono molto più curiosi di sperimentare nuovi prodotti.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
Print Friendly, PDF & Email
5/5 (2)

Lascia una valutazione

Condividi su:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here