Home Birre Craft Beer Italy 2019: alla sua seconda edizione il format convince

Craft Beer Italy 2019: alla sua seconda edizione il format convince

0
CRAFT BEER ITALY 2019

74 fornitori di tecnologie, materie prime, packaging e marketing da 12 paesi (nel 2017 erano, invece, 54 da 9 paesi) e oltre 900 visitatori (670 nel 2017) hanno varcato i portoni del MiCo Lab Fiera Milano Congressi nella centralissima zona City Life del capoluogo lombardo, una delle piazze principali per il movimento della birra artigianale italiana. La seconda edizione dell’unico evento B2B in Italia dedicato interamente al comparto della birra artigianale ha offerto a tutti i partecipanti una piattaforma di incontro e scambio con esperti e colleghi sugli ultimi sviluppi e le tendenze future del settore.

Gli espositori sono stati soddisfatti della qualità dei visitatori, birrifici, beer firm e brew pub e del carattere esclusivamente B2B della manifestazione, che, prendendo le distanze dai numerosi festival birrai, vuole invece lasciare spazio a incontri commerciali mirati e formazione professionale.

Conferenze

I visitatori, oltre a conoscere le aziende presenti nell’area espositiva, hanno riempito le due sale conferenze partecipando con entusiasmo ai 33 interventi altamente tecnici che spaziavano dalla fermentazione primaria all’imbottigliamento conto terzi, dall’etichettatura alle birre analcoliche fino alla presentazione ufficiale del Report 2018 dell’Osservatorio sulla birra artigianale ObiArt. Gli interventi sono stati curati dai due celebri istituti di ricerca partner della manifestazione Doemens e VLB Berlin, dall’associazione di categoria Unionbirrai, da aziende leader del settore e rappresentanti del mondo brassicolo italiani e internazionali di grande spessore che hanno condiviso le loro esperienze con i colleghi.

Aree degustazione

Tutto esaurito anche alle aree degustazione, una piacevole parentesi tra un incontro nell’area espositiva e una conferenza, che quest’anno sono state capitanate dai Sommelier di Doemens e dell’associazione culturale Le Donne della Birra, nonché dai Beer Taster dell’associazione di categoria Unionbirrai.

I partecipanti sono stati guidati attraverso la storia e le caratteristiche organolettiche di stili brassicoli specifici (pils, sour beer, IGA e IPA) e su tematiche quali cereali e frumento, bassa fermentazione ed evoluzione degli stili.

Ultimo ma non meno importante, CRAFT BEER ITALY 2019 ha ospitato sia la prima edizione del concorso per etichette di birra artigianale Best Craft Beer Label sia la finale del Campionato Italiano Beer Sommeliers Doemens, che ha visto sul podio due Donne della Birra, come vi abbiamo raccontato in questa news.

Best Craft Beer Label

Il concorso Best Craft Beer Label, promosso da NürnbergMesse Italia Srl e sponsorizzato da TIC TAC STAMPA, ha premiato le tre migliori etichette di birra artigianale per bellezza, eco-sostenibilità, ricchezza di informazioni e chiarezza per il consumatore. Sono saliti sul podio la Vetra Pils del Birrificio Vetra (1° classificato), Tangie di Ritual Lab (2° classificato) e al terzo posto a pari merito la Tiramisù e la Barrel #2 del Birrificio Lambrate. Il premio della giuria popolare #LabelBeer è invece andato alla beer firm salentina Skipa Bread Beer con l’etichetta L’Originale. Lo sponsor TIC TAC STAMPA, azienda italiana leader nel mondo della stampa digitale, crede fortemente nelle potenzialità dei birrifici artigianali tanto da aver adottato anche dei materiali dedicati alle loro etichette e ha offerto a vincitori e partecipanti forti sconti per la stampa delle loro etichette.

Campionato Italiano dei Beer Sommelier Doemens

Il Campionato Italiano dei Beer Sommelier Doemens ha visto poi la vittoria di Giovanna Merloni, birraia marchigiana di IBEER, che ha battuto gli altri cinque candidati nella presentazione di una birra “a sopresa” davanti alla giuria. Oltre a vincere il titolo di Campionessa Italiana, Giovanna rappresenterà l’Italia al Campionato Mondiale dei Beer Sommelier Doemens. Al secondo posto un’altra donna, Ingrid Facchinelli di Bolzano, mentre il terzo posto è invece andato a Daniele Vivian, agente di Birra Ingross.

Accanto all’organizzatore NuernbergMesse Italia, ancora una volta ci sono stati i partner Doemens e VLB Berlin, l’associazione di categoria Unionbirrai e anche MoBI, Movimento Birra, che ha dedicato per la prima volta un forum apposito e gratuito al mondo degli homebrewer, culla dei birrai di domani.

Beviale Family: competenza internazionale nel settore beverage

NürnbergMesse Group dimostra la propria competenza in fatto di beverage a livello internazionale, a cominciare da BrauBeviale di Norimberga, il salone internazionale dedicato ai beni d’investimento del settore beverage. La Beviale Family è inoltre attiva in altri dieci paesi circa con diversi format e cooperazioni adatte al mercato locale. I suoi membri e partner operano nei più importanti mercati in crescita. Gli “sponsor internazionali” della Beviale Family sono l’accademia Doemens e l’ente di ricerca e formazione del settore brassicolo “Versuchs- und Lehranstalt für Brauerei” (VLB) di Berlino. Ulteriori progetti sono attualmente in fase di programmazione.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here