Home Alberghi & accoglienza Coldiretti: per i ponti di primavera 800mila presenze in agriturismi
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Coldiretti: per i ponti di primavera 800mila presenze in agriturismi

0
agriturismi

Coldiretti, sulla base delle prenotazioni ricevute dalle aziende di Campagna Amica, ha stimato in 800mila presenze in agriturismo durante il lungo ponte primaverile del 25 aprile e dell’1 maggio. Secondo Coldiretti, ha scelto il mare quasi un italiano su tre (33%), ma altrettanto gettonato è il turismo verde tra campagne, parchi e oasi naturali (32%) che batte le città d’arte (20%), la montagna e i laghi.
Le prenotazioni negli agriturismi sono aumentate anche grazie alle buone previsioni meteo che, secondo l’analisi di Coldiretti, pesano per il 79% nelle scelte vacanziere degli italiani.
Ventitremila le aziende del settore che spaziano nella loro offerta dall’alloggio agli spazi per picnic, dalla ristorazione alla vendita al dettaglio, così come la possibilità di offrire tende, percorsi e punti ristoro. Tutti servizi che si aggiungono alla possibilità di offrire alta qualità dei prodotti a prezzi pressoché inalterati.
Nelle aziende dedite all’agriturismo diventa sempre più ampia l’offerta di spazi culturali, la possibilità di seguire percorsi di trekking, effettuare visite ai luoghi e ai territori circostanti, osservare da vicino gli spazi per animali e condurre con sé i propri amici a quattro zampe, seguire percorsi naturali e archeologici che facciano conoscere meglio il territorio.
Il successo del turismo ecologico e ambientale è dovuto – scrive la Coldiretti – ai costi contenuti, all’elevato valore educativo e alla pluralità di mete disponibili senza dover percorrere grandi distanze, in un Paese come l’Italia che può contare su ben 871 parchi e aree naturali protette che coprono il 10% del territorio nazionale”.
E così sono sempre di più gli italiani che cercano gli agriturismi per passare almeno una giornata fuori porta. Se poi questa dovesse diventare una notte da passare lontano da casa, secondo Coldiretti, è il ritorno alla tradizione, ai cibi che raccontano il territorio, ed è la voglia di passare un periodo all’aria aperta che fa il successo di aziende che hanno saputo trarre dal vivere nella natura la loro filosofia e il loro successo.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here