Home Notizie Attualità Coca-Cola: plastic tax e sugar tax bloccano gli investimenti

Coca-Cola: plastic tax e sugar tax bloccano gli investimenti

Coca-Cola SIBEG

Già colpita dal calo dei consumi di bibite gassate per effetto delle campagne salutistiche degli ultimi anni, ora ostacolata dalle neo-approvate sugar tax e plastic tax che vessano soprattutto le aziende del beverage, Coca-Cola ha deciso di bloccare investimenti ed assunzioni.

Non solo. Ad ottobre 2020 infatti Coca-Cola SIBEG, sito di Catania dove si produce la Fanta, inizierà a spostare la produzione a Tirana, paese meno tassato. Ciononostante, il sito di Catania non verrà dismesso. In Sicilia l’azienda rappresenta un’importante volano per l’economia.  Lo stabilimento SIBEG dà lavoro a 350 persone e muove un indotto dove sono occupate altre 950 unità: delocalizzare anche parte della produzione significherebbe mettere a rischio posti di lavoro in un’area del Sud Italia già fortemente colpita in termini occupazionali.

Sembrerebbe a rischio anche la situazione degli altri siti produttivi italiani, come quello di Marcianise in Campania e Oricola in Abruzzo, la cui chiusura sarebbe più facilmente gestibile, date le ridotte dimensioni rispetto a quello di Nogara in Veneto.

Sulla situazione di rischio venutasi a creare, sono intervenuti gli esponenti delle forze sindacali, ma anche Coldiretti Sicilia, dal momento che l’azienda ha anche annunciato che a causa dei costi di approvvigionamento insostenibili sarà costretta ad acquistare le arance all’estero, cosa che avrebbe effetti disastrosi sulla filiera agrumicola siciliana.

Luca Busi, AD Sibeg

Queste tasse sono una condanna a morte per la nostra realtà, ma anche per tutte quelle PMI che alimentano la produttività del territorio siciliano, come Tomarchio; Polara; S. Maria, Fontalba; Cavagrande. Mi sento di parlare a nome di tutte le aziende che, come noi, dovranno fare i conti con la rimodulazione degli assetti produttivi e con i tagli delle risorse occupazionali” ha affermato Luca Busi, amministratore delegato di SIBEG, a Sicilymag.it, e conclude “Un Governo che rimane in silenzio mentre le imprese gridano ‘allarme’ ha fallito nell’obiettivo di generare valore economico ma soprattutto sociale”.

Print Friendly, PDF & Email
2.5/5 (2)

Lascia una valutazione

Condividi su: