Home Indagini e Ricerche Centro Studi Fipe: crolla il clima di fiducia nella ristorazione
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Centro Studi Fipe: crolla il clima di fiducia nella ristorazione

0
Ristorazione

Il Centro Studi Fipe ha diffuso la nota informativa sull’Indagine congiunturale sulla ristorazione commerciale riferita al I trimestre 2019.

Ciò che si evince dai dati è un generale clima di sfiducia, dopo 9 mesi di positività. I giudizi verso prospettive di breve termine restano prudenti, anche se evidenziano segnali incoraggianti sia nei riguardi delle performance economiche che nell’occupazione.

Le performance economiche

Le valutazioni degli imprenditori perdono un po’ dello sprint manifestato negli ultimi mesi (-12,5% per l’intero comparto e -2,5% per la propria azienda).

Tuttavia il confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente tra i saldi delle risposte, sia a livello della singola azienda che dell’intero comparto, è positivo e guadagna 17 punti nel primo caso, 16 punti nel secondo.

La clientela

Così come per il fatturato, anche le valutazioni sui flussi di clientela sono date in peggioramento rispetto al trimestre precedente, ma in miglioramento se confrontate con quanto rilevato un anno fa.

I costi

I costi di approvvigionamento vengono dati in leggera flessione rispetto a un anno fa, mentre i prezzi di vendita vengono indicati in aumento.

L’occupazione

Nel primo trimestre dell’anno le valutazioni sulla dinamica dell’occupazione riflettono quelle sul fatturato. Il saldo è in linea con quanto rilevato un anno fa.

Le aspettative

Prudenza è il leit motiv per il futuro. Le aspettative sul II trimestre del 2019 sono positive riguardo alle performance economiche dell’intero settore, con qualche incertezza per la propria azienda e sull’occupazione. Atteso un leggero ritocco dei listini.

Indicazioni che scontano la mancata conoscenza, al momento della rilevazione, delle condizioni meteo che hanno caratterizzato negativamente una parte importante del secondo trimestre dell’anno.

Il clima di fiducia

L’indicatore sintetico del clima di fiducia perde 11 punti nel confronto con il trimestre precedente e torna negativo a testimonianza del quadro di incertezza con cui parte il nuovo anno.

 

5/5 (3)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here