Home Prodotti Vino & Spumante Cantina di Soave lancia l’iniziativa di solidarietà “La dolcezza che aiuta”

Cantina di Soave lancia l’iniziativa di solidarietà “La dolcezza che aiuta”

Cantina di Soave mette in vendita una limited edition di Recioto di Soave Classico DOCG che contribuirà all’acquisto di un mezzo di trasporto per persone anziane e disabili

Il Recioto di Soave Classico DOCG 2016 di Cantina di Soave è il protagonista di un’iniziativa di solidarietà natalizia. Da pochi giorni, online e nei tre punti vendita di Rocca Sveva (Soave), Illasi e Montecchia di Crosara, è in vendita un’edizione limitata del passito dolce soavese che contribuirà all’acquisto di un Fiat Doblò dotato di pedana per il Centro servizi alla Persona “San Lorenzo” di Soave, associazione dedita al trasporto di anziani e disabili.

Il Recioto utilizzato è quello realizzato in occasione dei 120 anni della Cantina di Soave. L’iniziativa, denominata «La dolcezza che aiuta», prevede che per ogni bottiglia di Recioto venduta al prezzo di 10 euro, Cantina di Soave doni 5 euro per l’acquisto del veicolo.
“La nostra non è una semplice azienda”, esordisce il presidente di Cantina di Soave Roberto Soriolo, “ma una grande famiglia che collabora e si rende partecipe di azioni di solidarietà per il bene del proprio territorio. Siamo lieti di prendere parte a questa lodevole causa”.

La realtà vitivinicola soavese sarà così lo sponsor principale di «Progetto del Cuore», la proposta a cui ha aderito il Comune di Soave che mira, attraverso la vendita di spazi pubblicitari, all’acquisto del pulmino che sarà utilizzato dall’associazione “San Lorenzo”.
“Il periodo che stiamo vivendo, spiega il sindaco di Soave Gaetano Tebaldi, ci mette nella condizione di dover decidere, cosa realmente conta. La salute, la solidarietà, la vicinanza a chi è in difficoltà, sono valori che non andranno mai fuori moda, da qui la nostra adesione al progetto“.
“La collaborazione vincente tra Comune, aziende private e volontariato”, aggiunge Angelo Dalli Cani, consigliere comunale con delega alle Politiche Sociali, “ci consentirà di potenziare il servizio di trasporto sociale garantito non solo ai nostri concittadini anche ai residenti dei paesi limitrofi». Esprime la propria soddisfazione anche Lorenzo Guadin, presidente del Centro servizi “San Lorenzo”. «Negli ultimi mesi è aumentata la richiesta di servizi di volontariato nell’ambito del trasporto: sia per i viaggi legati alla salute delle persone che per quelli di consegna a domicilio a persone anziane e sole, di alimentari e medicinali. Diciamo grazie a tutte le persone che ci aiuteranno e le invitiamo ad acquistare il Recioto di Soave per darci una mano nello svolgimento delle nostre attività”.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: