Home Senza categoria Cacao fonte di vitamina D: ma attenzione a non consumarne troppo
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Cacao fonte di vitamina D: ma attenzione a non consumarne troppo

0
cacao

Il cacao è una fonte ‘gustosa’ di vitamina D, elemento essenziale la cui mancanza aumenta il rischio di avere ossa fragili e sviluppare malattie respiratorie. Lo rileva uno studio della Martin Luther University Halle-Wittenberg, pubblicato su Food Chemistry, che svela un aspetto finora non noto di questo prezioso alimento.

La vitamina D è fondamentale per il corpo umano ed è disponibile in due tipi: vitamina D2 e D3“, spiega Gabriele Stangl, una delle autrici dello studio alla Martin Luther University. “La vitamina D3 – prosegue – è prodotta dalla pelle attraverso l’esposizione al sole e gli esseri umani ottengono il 90% del loro fabbisogno di vitamina D in questo modo. Il resto viene consumato attraverso il cibo, come il pesce grasso o le uova di gallina. La vitamina D2 si trova invece nei funghi: le fave di cacao sono sensibili alla contaminazione da funghi e spesso contengono quantità considerevoli di ergosterolo, il precursore della vitamina D2, proprio per questo motivo“.

Gli alimenti che contengono cacao, secondo gli studiosi, hanno quantità significative di vitamina D2. Ad averne di più sono burro di cacao e cioccolato fondente. Nel processo di lavorazione delle fave di cacao, queste vengono prima essiccate dopo la fermentazione per poi essere poste su stuoie, esposte al sole per una o due settimane.
I precursori della vitamina D presumibilmente provengono da funghi innocui e sono trasformati dalla luce solare in vitamina D2.

Il gruppo di ricerca ha testato vari prodotti e polveri di cacao attraverso la spettrometria di massa. È emersa la fonte di vitamina D2 ma con una quantità molto variabile a seconda dell’alimento.

Il cioccolato fondente ne ha un contenuto molto alto, pochissimo, viceversa nel cioccolato bianco.

Questo non è sorprendente, in quanto il contenuto di cacao nella cioccolata bianca è significativamente inferiore e conferma il nostro assunto che il cacao sia la fonte di vitamina D2“, afferma la Stangl.

Ma, avvertono i ricercatori, mangiare grandi quantità di cioccolato non sarebbe affatto sano per l’alto contenuto di zuccheri e grassi presenti. I ricercatori stanno ora studiando se sia possibile produrre alimenti senza zucchero contenenti cacao, come ad esempio la pasta, che possano aumentare i livelli di vitamina D2 nell’uomo.

4/5 (1)

Lascia una valutazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here