Home Prodotti Alcolici Barancli, il nuovo gin friulano creato da Michele Piagno

Barancli, il nuovo gin friulano creato da Michele Piagno

Michele Piagno lancia il suo nuovo gin Barancli, un distillato che ricorda la montagna e il territiorio di orgine del barman

Barancli è il nuovo gin creato dal barman friulano Michele Piagno.

Barancli – che in friulano significa proprio ginepro, la spezia che più di ogni altra rappresenta il gin – nasce nel territorio montano del Nord Est. Si tratta di un distillato che, come Michele Piagno, è fiero delle proprie origini esaltate in tutti i suoi aspetti.

Gli ingredienti di Barancli sono il pino mugo, l’erba angelica, la resina, le erbe aromatiche e le immancabili bacche di ginepro.
L’unione di tutti questi ingredienti ci guida attraverso un percorso esplorativo del territorio montano del Friuli, ricco di sapori e tradizioni. Le note boschive ne distinguono il gusto e lo rendono unico e riconoscibile. Barancli è un viaggio, una gita in montagna, un respiro di purezza. Per alcuni è un cammino tra i ricordi, per altri una ricerca alla scoperta del gusto.

Come ogni gin che si rispetti, Barancli può essere degustato da solo oppure accompagnato da una tonica che ne esalti il carattere. Ma non solo: “Il gusto di Barancli nasce dal bosco e dalla montagna” spiega Michele Piagno, affermato mixologist che da sempre ha nel cuore la sua terra. “Non si tratta di una ricetta pensata solo per cocktail e miscele zuccherine, bensì soprattutto per abbinamenti insoliti con erbe aromatiche del territorio, come la salvia del nostro Friuli”.

Barancli fa parte di Arte Liquida, un progetto di Michele Piagno che racchiude le sue creazioni nel mondo dei cocktail e dei liquori. È un concept nato dal desiderio di creare e offrire innovazione e che parla a tutti e veicola qualità, originalità e artigianalità.

La creatività di Michele Piagno si esprime nella creazione di cocktail, nella ricerca di nuovi sapori al bar, in libri come “El Senor Mojito” e il nuovo “Consumazione Compresa”, nelle tante lezioni che tiene da tempo ai professionisti del futuro. Arte Liquida è concept che nasce dalla voglia di intraprendere nuove avventure e dal desiderio di stare in costante movimento.

CHI È MICHELE PIAGNO

Originario di San Vito al Tagliamento (PN), Michele Piagno è un barman esperto di mixologia molecolare. Classe 1981, è figlio d’arte: con la sua famiglia di ristoratori, tra un impegno e l’altro gestisce l’Enoteca Vecchia Pretura, a Codroipo (UD).

Brand Ambassador Mixò Italy, nel 2019 ha pubblicato “El Señor Mojito”, un libro di 51 ricette in cui, mentre racconta l’origine del cocktail a base di lime e rhum, svela i segreti del barman perfetto. Nel 2021 lavora poi al lancio di Barancli, gin al ginepro, 100% friulano e scrive con Lorenzo Tiezzi “Consumazione compresa”.

“Barista, barman, bartender… in fondo sono tutti sinonimi. Chi sta dietro a un bancone deve soprattutto saper ascoltare e regalare un po’ di serenità a chi viene a rilassarsi in un locale”, spiega Michele Piagno, un professionista che punta da sempre su creatività ed eccellenza senza prendersi troppo sul serio.

Nel 2011 ha ideato Glow Sweet & Sour Mix, un liofilizzato divenuto brevetto mondiale per cocktail fluorescenti (di cui vi abbiamo parlato in questo articolo: https://www.horecanews.it/glow-sweet-sour-mix-linvenzione-di-michele-piagno-per-cocktail-fluo/) e si occupa da tempo anche di formazione: già dal 2007 è master trainer e collabora con Flair Academy Milano e con la Federazione Baristi Italiani. Tra i suoi ultimi impegni un suo corso certificato al Nodo Hotel di Codroipo (UD) che si terrà dal 10 al 12 maggio.

Nel 2013 ha curato con il giornalista Claudio Burdi il libro “100 cocktail light e contemporanei”, mentre nel 2014 ha collaborato con il celebre chef Terry Giacomello de l’Inkiostro a Parma (già al fianco di Ferran Adria a El Bulli) per la specializzazione e lo studio del concetto “Drink & Food”.

Successivamente, ecco un progetto di food pairing con Norbert Niederkofler, lo chef tristellato del St. Hubertus di San Cassiano (BZ) e poi un altro progetto con Nicola Pepe, vincitore di Hell’s Kitchen Italia 2018.

Tra le collaborazioni con i brand, Redbull (Canambassador) e San Bitter, per cui ha creato drink abbinati ai finger food della campagna pubblicitaria “Intervalli Italiani”. Suoi anche i drink studiati per Brouwerij Van Steenberg, uno dei più rinomati birrifici delle Fiandre che lo ha scelto per esaltare la sua birra più prestigiosa, la Gulden Draak. Infine, nel 2012 è stato Brand Ambassador Perrier.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: