Home Birre Baladin Italian Alley: la birra celebra il progetto di ristorazione a Londra

Baladin Italian Alley: la birra celebra il progetto di ristorazione a Londra

0

L’idea nasce da un gruppo di amici, imprenditori nel settore della ristorazione che hanno unito le proprie competenze nell’azienda Italian Revolution, nome che vuole chiarire fin da subito le loro ambizioni. Ne fanno parte, oltre a Baladin, il gruppo VNK già noto per le aperture di punti di ristoro di successo nella città di Torino.

Italian Alley si sviluppa all’interno di cinque archi ferroviari restaurati, situati nel cuore di Camden Market a Londra e propone cinque moderni concetti di cucina italiana ispirata alla tradizione e alla sua interpretazione come cibo di strada di alta qualità.

Ad unire gli archi, lo spazio comune in strada da vivere in piena libertà nel concetto più vero di condivisione durante tutta la giornata. Ognuno potrà decidere la propria preferenza di cucina che poi sarà possibile consumare su tavoli posti all’esterno degli archi, appunto, nel vicolo italiano (Italian Alley).

Italian Alley: il progetto che abbina la cucina italiana alla birra italiana a Londra

Teo Musso: “Nel corso degli anni, Baladin ha aperto diversi locali in Italia con l’idea di essere vicino al suo pubblico di appassionati. Sulla base dello stesso concetto ne sono stati aperti altri all’estero. In Marocco il primo, Ryad Baladin a Essauira e l’anno scorso un piccolo boutique hotel, Baladin Zanzibar, in Tanzania. È però col progetto Italian Alley, nel mercato di Camden a Londra, che si esprime in maniera completa la proposta di una ristorazione italiana abbinata ad una birra artigianale italiana. Un sogno che si avvera e che sono certo ci porterà grandi soddisfazioni”.

I cinque locali del progetto:

1 – FOCACCERIA NAZIONALE

Propone focacce gourmet ispirate alla tradizione romana.

Menù – Focacceria Nazionale

 

2 – BRACE

Dal nome evocativo, propone piatti di carne, pesce e verdura cucinati al barbecue.

Menù – Brace

3 – CIAMBOTTA

Il pane diventa “ciotola” per accogliere ripieni sfiziosi sia vegetariani che a base di carne o pesce.

Menù – Ciambotta

 

4 – POLPETTA

Reinterpretazione delle ricette della tradizione italiana per creare delle “meatballs” ricche di sapori.

Menù – Polpetta

 

5 – SEMOLA

Per identificare il piatto italiano per eccellenza, la pasta. Pasta all’uovo, ripiena (non mancheranno i ravioli del plin) e di grano duro, accompagnata da sughi preparati sul momento.

Menù – Semola

 

Birra Artigianale Baladin protagonista dell’Italian Alley

Fil rouge che unisce i ristoranti, la birra artigianale italiana Baladin. In tutti gli archi si potrà trovare alla spina la birra dedicata al progetto, la Baladin Italian Alley, e, per ogni proposta culinaria, una birra alla spina che l’accompagnerà perfettamente oltre alle bibite firmate da Teo Musso.

BALADIN ITALIAN ALLEY – la birra

Di colore giallo paglierino, questa birra si presenta limpida con schiuma fine, bianca, di media persistenza. I suoi profumi in ottimo equilibrio tra le note erbacee, a tratti floreali, e quelle agrumate (con un leggerissimo accenno di crosta di pane) invitano alla bevuta. La leggerezza si conferma in bocca – complice anche il basso grado alcolico – in assonanza con i toni delicati del luppolo e, anche se in misura minore, del cereale, accompagnati da note agrumate e floreali. Una birra beverina dal corpo leggero, pulita e fresca, che invita a farne lunghe e gustose sorsate.

Abbinamenti consigliati: una birra molto versatile. La si può abbinare a focacce, hamburger, pasta e allo street food in generale. Ottima con formaggi leggeri o insalate gustose.

Disponibile nel formato fusto da 24 litri.

 

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here