Home Associazioni ATR Confesercenti sugli hotel disponibili per le vaccinazioni, “ma priorità a chi...

ATR Confesercenti sugli hotel disponibili per le vaccinazioni, “ma priorità a chi ci lavora”

Per ATR Confesercenti occorre accelerare il piano vaccinale, includendo gli hotel fra le location disponibili e dando priorità ai lavoratori del settore.

ATR Milano, associazione degli albergatori milanesi in seno a Confesercenti, sottolinea in una nota stampa l’importanza di un avanzamento rapido del piano di vaccinazione nazionale e regionale per poter sperare in una seppur minima ripresa del turismo per l’estate. In virtù di questa consapevolezza gli albergatori sono disponibili a fare la loro parte per una buona riuscita del piano vaccinale, ma si aspettano anche di essere considerati tra le categorie di lavoratori con priorità per il proprio ruolo a contatto con un pubblico internazionale.

Spiega il presidente ATR, Rocco Salamone: “La Lombardia oggi appare in forte affanno sul piano vaccinale e l’attivazione di pochi centri medici più la conversione di alcuni poli congressuali non appare adeguata agli obiettivi della Regione di effettuare la vaccinazione di massa entro giugno. Noi albergatori siamo consapevoli di non poter pretendere aperture se non viene raggiunto l’obiettivo: per questo siamo disponibili ad aprire le nostre strutture a medici di base e associazioni di volontariato impegnate nella campagna vaccinale che non dovessero disporre di spazi adeguati. In particolare gli alberghi con sale congressi e ampi spazi riunione sono già dotati di protocolli di sanificazione e di logistica che permetterebbero una semplice riconversione in punto vaccinale”.

rocco salamone atr associazione turismo e ricettivitàATR suggerisce inoltre di approfittare delle prossime settimane di zona rossa per accelerare questo piano e farsi trovare pronti alla riapertura. “Non vogliamo che finisca come lo scorso anno – prosegue Salamone – in cui abbiamo dovuto aspettare maggio per avere una data di ripartenza. Serve una roadmap non solo del piano vaccinale, ma anche di ciò che accadrà dopo: la ripartenza del turismo passa anche dalla vaccinazione di chi lavora nella filiera, per questo chiediamo priorità per i nostri lavoratori maggiormente esposti in modo da creare percorsi di sicurezza per accogliere visitatori dall’estero”.

In Israele – conclude Salamone – si sono usati persino i bar per vaccinare rapidamente le persone: da noi i bar sono chiusi, mentre gli hotel sono formalmente aperti, ma vuoti perché quasi nessuno si può spostare. Utilizzarli sarebbe anche un modo per sostenerli e seguire l’appello di Draghi a utilizzare tutte le strutture possibili”.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: