Home Aspettando Host 2019 Aspettando Host 2019 – Il caffè sempre più presente nei menù
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Aspettando Host 2019 – Il caffè sempre più presente nei menù

0
Host 2019 caffè

In attesa di Host 2019, una riflessione sul ruolo che il caffè assume nella ristorazione, raccogliendo sempre più consensi nel nuovo trend che lo vuole protagonista in ricette dolci e salate e non solo un dolce fine pasto.

È un dato di fatto, il caffè sta conquistando sempre di più un posto sulla tavola e nel cuore degli chef. Il suo profilo aromatico che offre tutte le sfumature dal dolce all’amaro, passando per note floreali, fruttate o di cioccolato.
Il caffè si sposa con il 99 per cento degli ingredienti, è la materia prima più versatile in assoluto” dice Massimiliano Poggi, dell’omonimo ristorante di Trebbo di Reno (Bo).

Sono davvero pochi, ormai, i grandi chef titolati che non abbiano usato il caffè (in ogni sua variante) in ricette dolci, già tradizionalmente diffuso, come in quelle salate.

Tanti gli stellati nostrani che hanno dato spazio a questo ingrediente nel loro menù, fra questi anche Davide Oldani e Heinz Beck, o Massimiliano Alajmo.

Andrea Berton ha adottato il caffè come bevanda di accompagnamento, servita nel bicchiere trasparente e abbinata a determinati piatti da gustare durante il pasto e non solo alla fine.

E perfino chi non ama il caffè si ritrova a fare inevitabilmente i conti con questo ingrediente imprescindibile, come è successo alla talentuosa chef slovena Ana Roš, che ha inserito fra i suoi piatti uno con olio di caffè.

Questo nuovo trend si sta rispecchiando nel cambiamento di una consuetudine che sembrava ormai radicata: i celebrity chef che spesso aprivano accanto ai loro ristoranti dei bistrò, ora preferiscono optare per una caffetteria.

È il caso, ad esempio, di Aaron Silverman, che ha aperto a Washington Pineapple and Pearls, una caffetteria che ripropone la medesima qualità e attenzione al servizio del suo ristorante, limitandosi a servire solo caffè e dolci. L’obiettivo potrebbe essere quello di servire le stesse pietanze raffinate del ristorante, ma in un’atmosfera meno formale.

Questo è ciò che accade già nel ristoranteCondividere, aperto all’interno della Nuvola Lavazza a Torino. “Un omaggio ai pranzi tradizionale italiani, quelli fatti in famiglia per condividere oltre al cibo anche la compagnia“, un luogo che nasce subito accanto a un locale dove poter gustare un ottimo caffè a fine pasto.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here