Home Alimenti & Ingredienti Olio e condimenti Antico e moderno si incontrano nel “Decantato” Monini

Antico e moderno si incontrano nel “Decantato” Monini

Antico e moderno si incontrano nel “Decantato” Monini

Nasce da una tecnica antichissima, la decantazione, utilizzata in passato per liberare gli oli dagli eccessi di acqua vegetale e impurità, “Il Decantato” Monini, un olio avvolgente e profumato, dall’aspetto gradevolmente velato che ricorda anche nel gusto gli oli della tradizione artigiana, facendo riaffiorare la nostalgia delle grandi tavolate di una volta.
Un prodotto che porta sullo scaffale del supermercato tutte le caratteristiche di qualità ricercate dal consumatore, paragonabili a quello di un olio acquistato in frantoio.

“Bisogna essere molto moderni per usare un processo così antico” è il commento dei fratelli Maria Flora e Zefferino Monini. Si tratta infatti di una tecnica tradizionale, del tutto naturale, riprodotta fedelmente in Monini con in più tutta la tecnologia contemporanea a salvaguardare sicurezza, igiene, gusto e conservabilità del prodotto nel tempo.

La genuinità del sapore antico si esalta grazie alla sapienza della modernità nelle tre varianti Gusto Morbido, Biologico e Gusto Deciso.

Non un ossimoro, ma il perfetto equilibrio che è valso alla nuova linea di extravergini Monini il titolo di “Prodotto dell’Anno” 2020.

Sul portale Monini è possibile inoltre consulatre una selezione di ricette – dall’antipasto al dolce – per portare in tavola piatti semplici e creazioni originali da abbinare alle fragranze de “l’olio di una volta”.

Fondata nel 1920 da Zefferino Monini, bisnonno di Maria Flora e Zefferino che guidano oggi l’azienda, Monini è da sempre ai vertici tra i brand leader di mercato in Italia nella produzione e commercializzazione di olio extravergine d’oliva. A cento anni dalla sua nascita, si basa ancora sulla tradizione artigianale del “saper fare” e della qualità a difesa di un prodotto simbolo del Made in Italy e della dieta mediterranea. La società fattura 144 milioni di euro, realizzati per il 44% all’estero dove esporta in più di 60 Paesi, impiega 138 persone e produce una media annua di oltre 30 milioni di litri di olio, di cui l’84% extravergine.
Tradizione e modernità, solide radici locali e vocazione internazionale sono le due anime che convivono nell’impresa che ha fatto conoscere l’extravergine agli italiani e che sta contribuendo a farlo scoprire e apprezzare al resto del mondo, pur mantenendo una vocazione sartoriale.
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

Print Friendly, PDF & Email
5/5 (4)

Lascia una valutazione

Condividi su: