Home Attualità Allarme clementine: produzione e prezzi in calo
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Allarme clementine: produzione e prezzi in calo

0
clementine

Allarme per la raccolta delle clementine. Il caldo anomalo, riscontrato in particolare nel mese di giugno, ne ha ridotto quest’anno la produzione con una diminuzione dei raccolti con punte del 30% rispetto alla precedente annata.

Secondo Confagricoltura, inoltre, nonostante la minore disponibilità del prodotto il prezzo non è soddisfacente. In alcuni casi, fa notare il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, le clementine sono poste in vendita a prezzi inferiori a quelli che sarebbero giustificati dal normale gioco della domanda e dell’offerta.

I problemi della raccolta non riguardano soltanto l’Italia ma anche il suo principale concorrente, la Spagna. Il paese da anni è protagonista sulla scena dei vari mercati europei, ma ora attende un calo del 25% circa. Le aziende iberiche quest’anno dovrebbero gestire clementine di calibro mediamente più piccolo rispetto a quelle italiane. La pagina della commercializzazione è tutta da scrivere.

I produttori dell’arco ionico, orientati quasi prettamente al mercato nazionale, sono già preoccupati di non riuscire a coprire i maggiori costi che, complice il marcato calo produttivo, sono preventivabili per la raccolta.

Multiple clementines in a blue bowl, over dark blue background

Si spera non solo nell’arrivo di temperature più fredde, in grado di favorire sia la qualità organolettica dei frutti sia il consumo degli italiani, ma anche, e soprattutto, che la Gdo nazionale (primo acquirente di clementine Made in Italy) possa riuscire a corrispondere prezzi congrui alla contrazione produttiva.

In Calabria tra le varie zone produttive, va un po’ meglio nella Piana di Sibari, soprattutto nelle aree più vocate, mentre la Piana di Rosarno è abbastanza carente, così come le principali aree pugliesi.

La stagione 2019, tra l’altro, è generalmente carente anche per altre referenze frutticole: si pensi all’uva da tavola, al kiwi oppure a pere e mele. Ma la punta minima spetta proprio alle clementine.

5/5 (2)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here