Home Notizie Lifestyle Ad ogni vino il suo bicchiere

Ad ogni vino il suo bicchiere

Vino

Che sia bianco o rosso, liquoroso o fruttato, invecchiato o giovane, ad ogni vino è necessario abbinare un bicchiere differente.
Coppe e calici non sono la stessa cosa; la degustazione viene esaltata proprio grazie alla tipologia del bicchiere utilizzato sulla quale incidono anche fattori ambientali come la temperatura o l’ossigenazione
La scelta del vino va accompagnata a uno studio sulla sua struttura, sulla sua tipologia, sull’invecchiamento, sui profumi e, in base a tutti questi parametri si possono scegliere i bicchieri per assaporarne meglio l’aroma, il gusto, la limpidezza.
I calici da vino cosiddetti panciuti, cioè più larghi alla base servono proprio per aumentare l’ossigenazione del vino. Essi permettono più facilmente la rotazione del bicchiere che sprigiona così i profumi che vengono canalizzati verso la parte alta.
Se per i vini profumati il bicchiere migliore è quello largo alla base, per quelli liquorosi meglio i bicchieri da vino piccoli, già ristretti alla base. Porto o Marsala devono essere gustati in modo che il profumo arrivi subito alle narici; al contrario, per i passiti meglio bicchieri corti in modo che il sapore deò vino arrivi subito al palato. Per i vini acidi, come il Pinot Nero, meglio i bicchieri svasati in modo che il contatto sia immediatamente con la punta della lingua. Nei vini bianchi meglio i calici a tulipano non troppo ampi alla base così che possa arrivare in fretta il sapore zuccherino. I vini bianchi maturi vogliono una base più ampia mentre i rosati necessitano di un calice più basso largo alla base e ristretto alla punta per esaltarne l’ossigenazione.
Inoltre, è preferibile evitare il vetro colorato: meglio il classico cristallo incolore che possa rivelare immediatamente il colore del vino.
Champagne? il flute esalta il perlage, la coppa ne esalta gli aromi. I vini che sono stati sottoposti a spumantizzazione con il metodo Charmat, sono preferibilmente da degustare nella mezza- flute, in modo che la forma meno lunga della flûte, dal diametro molto stretto del calice potrà sviluppare al meglio grandi bollicine, che derivano da un procedimento meno raffinato.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: