Home Acque Acqua Acqua Sant’anna festeggia 25 anni di storia

Acqua Sant’anna festeggia 25 anni di storia

Acqua Sant’Anna Spa, leader del mercato acque minerali con un fatturato che negli ultimi 10 anni è più che triplicato, celebra i suoi 25 anni di storia.

Acqua Sant’Anna celebra i suoi 25 anni di storia. Oggi come nel 1996 l’impegno di Alberto Bertone, fondatore e oggi Presidente e Amministratore Delegato, resta quello di portare l’acqua come sgorga alla sorgente nelle case dei consumatori. Tutto iniziò perché la famiglia Bertone si convinse delle qualità uniche delle acque originarie delle Alpi Marittime e ne intuirono le altissime potenzialità. Sgorga incontaminata dalle vette di Vinadio a 1.950 metri d’altezza, è un’acqua dal bassissimo residuo fisso (22,0 mg/l) e povera di sodio (solo 1.5 mg/l di sodio), indicata per la preparazione degli alimenti dei neonati.

Questa sfida avvincente che si è trasformata in un’avventura industriale di grande successo: Acqua Sant’Anna ha scalato un mercato con oltre 300 marchi e multinazionali, raggiungendone la leadership assoluta con un tasso di crescita costante. Oggi l’azienda è riconosciuta come un fiore all’occhiello dell’imprenditoria italiana, un modello positivo da imitare per il livello tecnologico raggiunto, la gestione sempre attenta anche all’ambiente, la strategia di crescita, con un fatturato che negli ultimi 10 anni è più che triplicato – 320 milioni nel 2019 segnando un’ulteriore crescita del 10% nel 2020 nonostante la pandemia.

Alberto Bertone, fondatore e oggi Presidente e Amministratore Delegato

La scalata del Gruppo Sant’Anna è avvenuta sia sul mercato acque minerali che nella classifica dei principali produttori food&beverage registrando dati di crescita a doppia cifra anche grazie alla recente strategia di diversificazione che ha visto il debutto sul mercato di thè freddo e bevande, fino ai più recenti lanci della gamma di acque aromatizzate Fruity Touch e la linea Sant’Anna Beauty.

Fin dalla fondazione, Alberto Bertone ha puntato sulla tecnologia, l’automazione, l’innovazione, creando da subito uno tra i più moderni stabilimenti al mondo nel settore del beverage, che si è costantemente rinnovato e ingrandito grazie ad investimenti consistenti e continui. E’ proprio grazie all’efficienza dello stabilimento – 60 mila mq a Vinadio (CN) – dove l’attività è incessante, che in poche ore l’acqua arriva dalla sorgente alla tavola. Questo si può fare con la tecnologia e l’innovazione in costante aggiornamento con continui investimenti per soluzioni robotizzate d’avanguardia che hanno consentito di sviluppare velocità di produzione e controlli sulla qualità di elevatissimo standing, consentendo di raggiungere volumi di produzione enormi: l’intera capacità produttiva dello stabilimento ha un potenziale di circa 3,5 miliardi di bottiglie/anno grazie a linee di imbottigliamento di ultima generazione in grado di produrre fino a 81.000 bottiglie/ora.

Nei suoi 25 anni Acqua Sant’Anna ha inoltre dimostrato di essere un’Azienda che fa della sostenibilità un modus vivendi. E’ stata il primo marchio al mondo a lanciare nel mass market una bottiglia di acqua minerale da 1,5 litri biodegradabile e compostabile in sito di compostaggio, la prima realizzata con un particolare biopolimero che si ricava dalla naturale fermentazione degli zuccheri contenuti nelle piante. Sant’Anna Bio Bottle è certamente l’iniziativa green che si è più fatta notare sul mercato. Tutta la filosofia aziendale è orientata alla tutela dell’ambiente e delle risorse e si concretizza in numerose altre iniziative meno evidenti, come l’utilizzo della logistica su rotaia per il trasporto dell’acqua da Vinadio a tutta Italia, la movimentazione delle merci gestita da robot a guida laser elettrici e non a gasolio, quindi a inquinamento zero, il riutilizzo del calore prodotto dai macchinari di produzione per il riscaldamento dello stabilimento e degli uffici, la scelta di camion alimentati a LNG, il meglio che il mercato attualmente offre in termini di autotrasporto sostenibile, con performance ben 6 volte superiori rispetto al modello diesel euro 6, in termini di abbattimento delle emissioni in atmosfera, anche dal punto di vista acustico.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: