Home Farine A marzo i nuovi corsi dell’Accademia Antico Fienile di Molino sul Clitunno
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

A marzo i nuovi corsi dell’Accademia Antico Fienile di Molino sul Clitunno

0
Molino sul Clitunno

Saranno il maestro Favio Gargiulo, docente all’Università della Cucina Mediterranea di Sorrento, il Campione del Mondo Pizza World Championship 2015 Federico Visinoni e il maestro pizzaiolo Riccardo Menon, direttore della scuola “Master Pizzaioli”, a guidare i partecipanti ai corsi di pizzeria che l’Accademia Antico Fienile di Molino sul Clitunno ha organizzato nell’ambito dell’attività di “IN-Formazione” che l’azienda umbra porta avanti da sempre per una ricerca di eccellenza nell’arte della pizzeria.

Arrivano invece direttamente dalla Sicilia i maestri Samuele Palumbo e Salvatore Caggegi che seguiranno i corsi dedicati alla pasticceria e ai prodotti lievitati.

Dopo il successo riscosso al Sigep 2019, le farine umbre della nuova linea ORO PURO (di cui vi abbiamo parlato in questo articolo), prodotte con una selezione di grani 100% emiliani, si sono collocate sul panorama italiano delle farine professionali di qualità, attirando l’attenzione di chef e volti noti, come Natale Giunta, presenza fissa de La Prova del Cuoco e Luca Sardella esperto conoscitore e divulgatore dell’eccellenza enogastronomica made in Italy.

È anche per questo che Molino sul Clitunno a partire da marzo, aprirà l’aula-laboratorio della sua Accademia di Formazione Antico Fienile, a clienti, addetti ai lavori e aziende che vogliono scoprire le caratteristiche e le potenzialità di queste nuove farine, attraverso corsi di formazione sulle tecniche di panificazione, pasticceria e pizzeria svelando i segreti per raggiungere prodotti di elevata qualità.
All’interno di un antico fienile ai piedi del suggestivo borgo umbro di Trevi, i professionisti ed i maestri dell’arte bianca e della pasticceria italiana, guideranno i partecipanti ai corsi verso tecniche e metodologie di lavorazione che trasmettano l’importanza della crescita tecnologica e dell’innovazione, senza mai dimenticare la tradizione ed il rispetto di una filiera certificata e garantista per il consumatore finale, sempre più attento al cibo sano e al benessere in tavola.

I corsi saranno a numero chiuso per max 25 partecipanti.

5/5 (1)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here