Home Lifestyle 2B-Alert, il software che ti consiglia la giusta dose di caffè

2B-Alert, il software che ti consiglia la giusta dose di caffè

0
2b-alert

Gli americani, si sa, sono i maggiori consumatori di caffè al mondo, oltre ad essere grandi estimatori di bevande energetiche, dove la caffeina è uno dei maggiori ingredienti. Il consumo di tali bevande, soprattutto laddove non vi è piena consapevolezza delle conseguenze dovute ad un’assunzione smodata ed incontrollata, può comportare gravi conseguenze per la salute e spesso non raggiungere l’obiettivo desiderato: essere pronti e svegli soprattutto in particolari occasioni.
Ad offrire uno strumento che possa in qualche modo fungere da regolatore dell’assunzione di caffeina ci ha pensato l’Esercito americano, o meglio il DoD Biotechnology High Performance Computing Software Applications Institute e il Telemedicine and Advanced Technology Research Center dell’US Army Medical Research e Materiel Command.
I ricercatori hanno condotto uno studio in merito alle proprietà del caffè, concludendo che la dose giusta di caffeina non è generalizzabile, ma va personalizzata in base ad una serie di parametri, come l’età, il sesso, le abitudini di vita, la tipologia di lavoro svolto e così via. Ne consegue che la quantità di caffeina da assumere per essere pronti ad affrontare gli eventi e le situazioni che si presentano nel corso della giornata non è la stessa per tutti e va individuata secondo un calcolo matematico.
I ricercatori dell’esercito americano hanno così sviluppato 2B-Alert, un software che calcola la giusta quantità di caffeina, incrociando i dati personali che l’utente andrà ad inserire (da quelli anagrafici alle abitudini di consumo) generando un algoritmo che indica quanta caffeina si può/deve assumere per rimanere vigili e energici. Si scopre così che a volte è necessario diminuire la dose abituale per evitare di avere l’effetto contrario.
Al momento 2B-Alert è disponibile su una piattaforma poco intuitiva, ma l’esercito americano intende concederne la licenza affinché venga sviluppata una app per smartphone che tutti possano utilizzare liberamente.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here